The metropolitan green thumb

August, 22 2013 10:00

Posted inMaster Design Management Sole24Ore

Everyone is going crazy about growing their own food in house yards and terraces; even in the Royal Palace, Prince Charles is growing his own beets. But what about all the people who live in small and shared flats surrounded by concrete, where finding some grass is as easy as looking for a needle in a haystack? Unfortunately not everyone has access to a piece of land or a terrace, so the metropolitan green thumbs have invented new ways to bring a bit of green into our studios and flats.

 

 

 

 

The best ideas come from overseas, specifically NYC, where people have experience in living in small and cramped spaces. WindowFarms, for example, is an idea that is becoming more and more popular and appreciated even outside the usual amateur horticultural circles that swarm America. It is based on an easy construction system that uses recycled plastic bottles and exploits the vertical space and light from the windows. The whole system can be accomplished with simple DIY.

 

 

 

 

Another interesting and inexpensive idea is the use of pallets. Celebrated as an icon of industrial minimalism, they can be recycled and reused for functional and playful outdoor projects. Born as a tool to move goods, it is treated to withstand the elements so it is perfect to create outdoor furniture, for example, a vertical garden that can be placed on the balcony. The process is very simple, just fix the insulating fabric along the edge and back of the pallet with a stapler to protect the wall, leaving uncovered only one of the 4 sides and the front in order to plant the seeds and allow the plants to grow from all the slots available. New life for the pallet! And without taking up extra space!

 

 

 

 

There are some, though, who do not feel like getting their hands dirty with soil while digging a flowerbed. So they can send an elegant and reinvented postcard that can pleasantly surprise the receiver. From the immagination of A Studio for Design, the new and ecological PostCarden are born. The name is not accidental, since it is the only postcard that opens as a pop-up and blossoms when watered. The mini garden is very easy to grow thanks to the instructions contained in the card, and the cress seeds germinate very quickly all year round. Glancing between the small skyline and architectural buildings, the secret bedside garden is ready with very little effort, with the possibility to choose between three different cards: The Botanical Garden, The City and The Tool House, each one designed by an artist, inspired by their love for nature.

 

 

 

 

 

 

 

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

VERSIONE ITALIANA

 

Tutti pazzi per il verde in cortile, sul terrazzo o in qualsiasi altro pezzettino di verde abbiamo intorno la nostra abitazione; persino alla Casa Reale d’ Inghilterra,il Principe Carlo coltiva le sue bietole.Ma per tutti quelli che risiedono in case piccoleo in condivisione? Casomai in un condominio circondato dal cemento, dove vedere un filo d’erba è facile come trovare un agoin un pagliaio.Sfortunatamente non  tutti hanno a disposizione unpezzettodi terra o un terrazzo, così i pollici verdi metropolitani si sono ingegnati per cercare di portare un po’ di verde nei loro monolocali.

 

Le idee miglioriarrivano da oltre Oceano, precisamente NYC, dove di esperienza nel vivere in spazi piccoli eangusti ne hanno tanta. WindowFarms, ad esempio, è un’idea che inizia sempre di più ad essere popolare ed apprezzata anche al di fuori dei soliti circoli di orticoltori amatoriali che pullulano in America. Si basa su un sistema di semplice realizzazione che utilizza bottiglie di plastica riciclate e che sfrutta lo spazio in verticale e la luce delle finestre. Il tutto può essere realizzato con un semplice fai da te.

 

Altro spunto interessante e, decisamente economico, arriva dal pallet. Celebrati come icona del minimalismo industriale, con loro possono realizzarsi progetti di recupero giocosi e funzionali, per di più di grande effetto.Nato per spostare  le merci, viene trattato per resistere agli agenti atmosferici quindi è perfetto per creare degli arredi esterni. Uno su tutti è il giardino verticale) da posizionare sul balcone. Il procedimento è molto semplice, basta fissare del tessuto isolante lungo il bordo e sul retro del pallet per proteggere la parete, con una pinzatrice, lasciando scoperti soltanto uno dei 4 lati e la parte anteriore, per poter piantare i semi e permettere alle piante di crescere da tutte le fessure disponibili. Nuova vita per i pallet!...E senza occupare spazi extra! 

 

C’è chi però  non ha voglia di mettersi a zappare l’aiuola condominiale o sporcarsi le mani con del terriccio, allora potrà sempre inviare un’elegante cartolina. Sì, la cara e datata cartolina è stata reiventata, tramutandosi in un biglietto d’auguri capace di sorprendere chi lo riceve.  Dalla fantasia di A Studio for Design nascono le nuove ed ecologiche PostCarden. Il nome non è casuale, dato che si tratta dell’unica cartolina che si apre a mo’ di pop-up e se innaffiata fiorisce. Far crescere il mini giardino sarà facilissimo perchè all’ interno della cartolina sono incluse istruzioni e semi di crescione che hanno la peculiarità di germogliare molto velocemente tutto l’ anno. Volgendo lo sguardo tra piccoli skyline e architetture, il nostro giardino segreto da comodino è subito pronto senza il minimo sforzo, con la possibilità  di scegliere tra tre diverse cartoline: Il Giardino Botanico, la Città e il Casotto per gli attrezzi, ognuna disegnata da un’artista ispirata dall’amore per la natura.