Corporate Museums on four wheels: Mercedes-Benz Museum and Porsche Museum

July, 1 2013 18:00

Posted inMaster Design Management Sole24Ore

Guardians of brand identity and windows that trace the evolution of a company, corporate Museums are one of the most tangible forms of business communication and a tool for strategic marketing.

 

 

The basic idea is not to display those dusty old relics found in the attic, polished as trophies for a melancholic taste of the past. Corporate museums do not stop at the "once upon a time", but rather contain a mix of entrepreneurial and human history, technology and economy, which, starting from "what we did," extends to "what we will do." A visit to a corporate museum should not end with a set of doors closing behind you, but a look towards the future, arousing in the visitor curiosity and expectation for the new.

 

 

If for the enthusiasts a corporate museum is a beautiful experience, for engineers, designers and creatives it is a source of inspiration, food for thought. The strategic value that pushes a company to create a museum lies in the communication ability to convey trust with public, because, although the installation is designed to give emphasis to the details, the characters are not actors, but actual products.

 

 

Being able to draw on a wide range of museums and archives, with the energy that summer gives us, we leave for a journey across the Italian border to discover two corporate museums where design rules both the product and the "packaging".

 

 

It is in fact in the green Baden-Württemberg area that the celebratory temples of Mercedes-Benz and Porsche arise. Taking the clock back to the mid-1800s, it turns out that in Stuttgart and neighbouring Bad Cannstatt and Karlsruhe (cities that today are referred to "industrial district") there was a bustling study activity around what would become a revolutionary means of transportation. Although the origins of the car are discussed to some extent, Karl Benz had an extra card in his pocket (in the true sense of the word): the patent number 37435 of 1886. It identifies a motor, a traction system and a chassis, all together and all for the first time! Proud of its history, Mercedes-Benz has paid great attention since the beginning to the conservation and enhancement of technological and artistic heritage that has gradually made it ​​famous worldwide.

 

 

 

It is, however, only with the new Mercedes-Benz Museum that a truly majestic building is created. Designed by UN Studio van Berkel & Bos, Amsterdam, and inaugurated in May 2006, the building is placed in the Mercedes-Benz Welt (World Mercedes-Benz) in Untertürkheim, the headquarters for general management and brand production. With a height of 47.5 meters and a weight of 110,000 tons, the structure encloses an exhibition space of 16,500 square meters. The outline of the Mercedes-Benz Museum depicts a clover and combines the lightness of steel with the transparency of glass. If from outside the viewer is intrigued by this lightweight giant, inside the double ellipse structure, made ​without the use of central columns and reminiscent of the twisting DNA, will fascinate the visitor.

 

The exhibition includes a double tour, where on one side you can visit the seven Mythosräume (Myth Room) - the history of the company and cars in chronological order - and on the other side the five Collectionsräume (Collection Room) - exhibiting the different types of cars manufactured by Mercedes-Benz, from the Omnibus to the emergency vehicles. On nine floors continues the journey through time and fashion, with around 160 models on display (out of a total of 1,500) that have been appreciated by more than four million visitors since 2006.


 

 

The front of Mercedes-Benz Museum (Photo www.archiexpo.it)

 

 

A fun car by Mercedes-Benz (Photo: www.premjithnarayanan.com)

 

 

 

The tree-point plan of Mercedes-Benz Museum (Image: www.formness.com)

 

 

Three years after the opening of the glorious Mercedes-Benz home, the Porsche Museum was finally inaugurated in 2009. Located in the district of Zuffenhausen, just like the three-pointed star "cousin", this museum is characterized by a very original layout that reflects the brand identity. The Viennese studio Delugan Meissl designed the famous steel shell with a dynamic and fast structure, just like a Porsche sports car.

 

 

Entrance of Porsche Museum (Photo www.porsche.com)

 

 

With an exhibition space of 5,600 square meters, the tour begins with a sort of loft, which can be reached through a long escalator that takes the visitor up high in the realm of speed. The 80 cars on display recount, “in the round” - it is appropriate to say, given the recurring rounded shape of the car models - the world of Eng. Ferdinand Porsche. On display is the large production of Porsche, which, to the amazement of the non-connoisseurs, also includes tractors, police cars and hunting cars. Also in Porsche’s case, similar to Mercedes-Benz, the tradition of product innovation marries with the exhibition structure, which placed in the service for those motor jewels it loudly screams its essence.

 

 

Sascha (Photo: www.allcarcentral.com)

 

 

The cars on display at the Mercedes-Benz and Porsche Museum are capable of stirring up the taste of movement on four wheels, rather than becoming the classic connotation of museum pieces, static and obsolete. Designed to travel, the cars continue their job stimulating imagination and a taste for adventure in the visitor. A slightly worn seat and a steering wheel polished at ten past ten are in fact feeding our imagination, so it's no wonder that, while walking through these museums, you occasionally get the feeling of the wind in your hair and the "scent" of a gust of diesel. It’s not real, but…. Maybe you are travelling with your imagination? 

 

 

 

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

VERSIONE ITALIANA

 

Custodi dell’identità di marca e vetrine sul tempo che ripercorrono l’evoluzione di un’azienda, i Musei d’Impresa costituiscono una delle forme più tangibili di comunicazione aziendale e uno strumento di marketing strategico. 

 

L’idea di fondo non è quella di cercare negli scatoloni polverosi della soffitta cimeli del passato da lucidare per bene e chiudere in una vetrina di trofei dal sapore malinconico dei bei tempi che furono. I musei d’impresa non si fermano a raccontare solo il “c’era un volta”, ma racchiudono un intreccio di storia imprenditoriale e storia umana, tecnologia ed economia, in un unicum, che partendo dal “cosa abbiamo fatto”, tende al “faremo”. La visita a un museo d’impresa dovrebbe in questo senso concludersi non tanto con una porta chiusa alle spalle, ma con una propensione al futuro, che suscita nel visitatore curiosità e attesa per il nuovo. 

 

Se per gli appassionati il museo d’impresa è una bella esperienza, per i tecnici, ovvero designer e creativi, esso è una fonte d’ispirazione, uno spunto di riflessione. Il valore strategico che muove un’azienda alla realizzazione di un museo è dato dalla capacità di quest’ultimo di essere un mezzo di comunicazione che veicola nel pubblico affidabilità, perché, sebbene l’allestimento sia studiato per dare enfasi a questo o quel dettaglio, i protagonisti non sono attori, ma la reale produzione aziendale.

 

Potendo attingere a una vasta offerta di musei e archivi, con l’energia che ci regala la bella stagione, partiamo adesso per un viaggio oltre confine alla scoperta di due casi di museo aziendale in cui il design detta le regole non solo nel prodotto, ma anche nella “confezione” che lo racchiude. 

 

E’ infatti nel verde Baden-Württemberg che sorgono i templi celebrativi di Mercedes-Benz e Porsche. Riportando calendario e lancette dell’orologio alla metà del 1800, si scopre che proprio a Stoccarda e nelle limitrofe Bad Cannstatt e Karlsruhe (città che insieme oggi identificheremo come un “distretto industriale”) c’è una brulicante attività di studio attorno a quello che sarebbe diventato un mezzo di trasporto rivoluzionario. Sebbene le origini dell’auto siano per certi versi discusse, Karl Benz ha dalla sua parte una carta in più (nel vero senso della parola): il brevetto numero 37435 del 1886. Esso identifica un motore, un sistema di trazione e un telaio, tutto assieme e tutto per la prima volta! Orgogliosa della propria storia, Mercedes-Benz ha sin dalle origini prestato grande cura alla conservazione e valorizzazione del patrimonio tecnologico e artistico che l’ha via via resa nota a livello mondiale.

 

E’ tuttavia solo con il nuovo Mercedes-Benz Museum che viene realizzato un progetto davvero maestoso. Progettato da UN Studio van Berkel & Bos di Amsterdam e inaugurato a maggio 2006, l’edificio è inserito nel Mercedes-Benz Welt (Mondo Mercedes-Benz) di Untertürkheim, ovvero un quartier generale in cui si articolano le strutture direzionali e produttive del brand

 

Una struttura di 47,5 metri d’altezza per un peso di 110.000 tonnellate racchiude uno spazio espositivo di 16.500 metri quadri. La pianta del Mercedes-Benz Museum ricorda un trifoglio ed è un connubio tra la leggerezza dell’acciaio e la trasparenza del vetro. Se da fuori lo spettatore è incuriosito da questo gigante leggero, all’interno rimane affascinato dalla struttura a doppia ellisse, sulla quale sono organizzati i percorsi espositivi, realizzati grazie a un’articolata costruzione priva di colonne centrali, che ricorda l’asse di avvitamento (twist) del DNA. 

 

La mostra prevede un doppio tour, dove da un lato si succedono le sette Mythosräume (Sale del Mito), che raccontano la storia aziendale e dell’auto in sequenza cronologica, e dall’altro le cinque Collectionsräume (Sale Collezione) che presentano le diverse tipologie di vetture prodotte da Mercedes-Benz, dagli Omnibus ai veicoli di soccorso. Su nove livelli si ripercorre un viaggio nel tempo e nella moda, fra circa 160 modelli esposti (su un totale di 1.500 da esposizione) che dal 2006 sono stati apprezzati da più di quattro milioni di visitatori.

 

A tre anni di distanza dall’apertura della gloria di casa Mercedes-Benz, viene inaugurato nel 2009 il Porsche Museum. Situato nel quartiere di Zuffenhausen, proprio come il “cugino” della stella a tre punte, anche questo Museo si contraddistingue per un layout molto originale e che rispecchia l’identità del marchio. Lo studio associato viennese Delugan Meissl ha infatti realizzato la celebre conchiglia di acciaio, delineando una struttura dinamica e veloce, proprio come un bolide Porsche. 

 

Organizzata in uno spazio espositivo di 5.600 metri quadri, la mostra inizia da una sorta di piano nobile soppalcato, al quale si arriva grazie a una lunga scala mobile che accompagna i visitatori nell’ascesa al regno della velocità. Le 80 vetture in mostra raccontano “a tutto tondo”, è proprio il caso di dirlo, vista la forma tondeggiante ricorrente in tutti i modelli del marchio, il mondo dell’Ing. Ferdinand Porsche. In esposizione è presente la vasta produzione Porsche, che, per lo stupore dei non intenditori, annovera anche trattori, vetture per la polizia e da caccia. Anche nel caso di Porsche, così come in quello di Mercedes-Benz, la tradizione del prodotto sposa l’innovazione della struttura espositiva, che messa a servizio dei gioiellini a motore, ne urla a gran voce l’essenza. 

 

Le auto esposte al Mercedes-Benz Museum e al Porsche Museum sono capaci di far riassaporare il gusto del movimento a quattro ruote e non assumono la classica connotazione di pezzi da museo, fermi e obsoleti. Progettate negli anni passati per far viaggiare, le auto continuano il loro mestiere stimolando l’immaginazione e il gusto dell’avventura in chi le osserva. Un sedile lievemente consumato e un volante lucido alle dieci e dieci infatti fanno subito correre la nostra fantasia, quindi non c’è da meravigliarsi se, girando per questi musei, si ha di tanto in tanto come l’impressione di sentire il vento tra i capelli e il “profumo” di una folata di diesel. E’ solo immaginazione, ma… non si viaggia forse anche con questa?