Houses with no limits

March, 18 2013 10:00

Posted inInner Style

 

How big does a room become if we substitute a wall with a blackboard? And how endlessly abloom does a terrace become if our table transforms into a canvas?  Why isn’t there a washable board on the pantry door where I can write how much flour is left? Or just to scribble GOODMORNING?  


 

Calendario lavagna (source pianetadonna.it)

Some will think that in this digital age there is an Android app to do all this, but I feel nostalgia of the white chalk and black slate, especially those memories of when you’re attending elementary school and wondering: “how is a blackboard made? What is it?” And although the teacher gave you an answer, it was never enough to satisfy your curiosity.  



Opera derivata (autore - Andrea Pavanello)


We have all written or drawn on a blackboard before, but do we ever think that most likely we won’t ever use it again? Do we have to be schoolteachers to be able to write and draw on it just one more time? What fault do I have I am no longer a child… 



Lettere a Giulietta - Verona (Italy) (source - Flickr - author - Dino Quinzani - license - CC BY-SA 2.0 )


Although it’s a bit like a radical-chic pub or an upper-middle class loft for singles that love vegan food and tantra, I’ll want a blackboard in my future home, maybe instead of a television.  



Linea - Aykut Erol su ispirazione di Osvaldo Cavandoli - source yankodesign dot com

 

Fortunately not all adults forget: whether designed for university students, desperate housewives or for children with an age still in the one digit, there are many items of furniture and design that stimulate creativity and allows us to express ourselves at any moment of the day, as if to remind us that we are still able to write.

 

 


VERSIONE ITALIANA

 

Case senza confini


Quanto grande diventa una stanza se al posto di un muro ci mettiamo una lavagna? E quanto fiorito e sconfinato può diventare un terrazzo se il nostro tavolo ha una superficie disegnabile? Perché sulla porta della dispensa non c’è una parte lavabile dove posso scrivere quanta farina c’é ancora dentro? O scrivermi BUONGIORNO?

Qualcuno penserà che in quest’era digitale ci sia un’ app per il mio Android per fare tutto questo, ma io sento nostalgia del gesso bianco e della nera ardesia che quando sei alle elementari ti stupisce e ti chiedi più volte: ma come la fanno la lavagna? Che cos’è? E sebbene la maestra ti dia una risposta questa non basta.

Tutti noi abbiamo scritto o disegnato su una lavagna, ci pensiamo mai che molto probabilmente non ci disegneremmo più? Dobbiamo per forza fare i maestri di professione per disegnarci o scriverci sopra ancora una volta? Che colpa ne ho se non sono più un bambino… 

Anche se è un po’ da Pub radical-chic o da loft alto-borghese per una single amante del cibo vegano e del tantra, io vorrò una lavagna nella mia futura casa, magari al posto della televisione.

Fortunatamente non tutti i grandi dimenticano, che siano destinati a universitari, o casalinghe disperate o a chi ha gli anni ancora ad una cifra sola, esistono moltissimi oggetti di arredamento e disegno industriale che stimolano la creatività di chi li usa e ci permettono di esprimerci come vogliamo in momenti quotidiani della giornata, quasi a ricordarci che sappiamo ancora scrivere.